Come e cos’è l’ottimizzazione per i motori di ricerca in un sito E-commerce

Hai aperto o stai valutando di far sviluppare un E-commerce ? Ma ovviamente valuti il professionista o il giusto consulente con cui lavorare ? Bravo, allora stai facendo già una buona scelta, perchè non tutti lavorano per bene, sviluppare un E-commerce pianificando una strategia SEO ottimale non è facile, ti devi fidare e affidarti a chi lo fa per davvero, in questo articolo voglio spiegarti un po’ come e cosa è l’ottimizzazione per i motori di ricerca in un E-commerce .

Cosa si intende per Ottimizzazione nei motori di ricerca ? 

Per ottimizzazione nei motori di ricerca si intendono tutte quelle attività che servono al tuo E-commerce per poter essere posizionato, scansionato e indicizzato nel miglior modo possibile e non mi riferisco solo a google, certo google ha una notevole percentuale di utenti, ma ci sono anche altri motori di ricerca su cui essere presenti come:
– Bing
– Yahoo
– Libero
– E altri minori
Che fanno comunque un bel po’ di visite e potenziali clienti verso il tuo sito e-commerce.

DOMANDE:
– Ora ti domando, se per essere ben indicizzato, posizionato e scansionato basti solo un sito E-commerce, perchè non tutti gli E-commerce riescono ad emergere o ad ottenere dei buoni risultati sui motori di ricerca ?
Mi correggo, alcuni descrivono, ti forniamo un E-commerce ben ottimizzato a prezzo fisso o ben indicizzato a prezzo fisso.

– Come è possibile, creare o realizzare un sito ottimizzato che raggiunga delle posizioni ben visibili sui motori di ricerca senza la minima pianificazione seo da seguire nell’arco medio-lungo termine ? Capirai nell’articolo e nei miei articoli il perchè!

RISPOSTA:
Magari si riuscisse con un sito web e-commerce senza aggiornarlo continuamente e senza seguire report continui riuscire a raggiungere almeno la seconda pagina dei motori di ricerca, sarebbe il TOP.

Ma non si può! Già raggiungere il risultato è dura lavorando continuamente al sito, figuriamoci affidandoti il sito e abbandonarlo a se stesso.

Ma poi senza conoscerti, senza conoscere i tuoi competitor, senza conoscere nulla del tuo settore, come possono fornirti un servizio pianificato ? Non possono, ti creano solo il sito e basta.

Poi sta a te applicare la strategia e mettere di nuovo mano al sito per aggiustare il tiro SEO , ECC…

Ma andiamo avanti mi sono dilungato inutilmente…

 

Come si fa l’ottimizzazione e-commerce per i motori di ricerca

Cosa è l’ottimizzazione per i motori di ricerca è stato descritto prima, puoi approfondire anche su wikipedia nel caso.

Ora cerchiamo di capire come si applica ad un sito e-commerce tutte queste tecniche di ottimizzazione dei motori di ricerca.

Comincia ad approfondire alcuni fattori seo per e-commerce, che possono essere facilmente modificabili da te, se almeno conosci un po’ di dimistichezza con il CMS del tuo e-commerce.

La maggior parte dei fattori di ottimizzazione per i motori di ricerca

Considera che ( Prendendo ad esempio GOOGLE, uno dei maggiori motori di ricerca )ha creato un algoritmo variabile nel tempo e quindi del tutto imprevedibile ( per questo dico ad ogni mio cliente , se non vengono gestiti da me o da noi,di analizzare sempre ogni mese i dati ) perchè i tuoi competitor, i motori di ricerca, i tuoi contenuti, possono subire notevoli variazioni.

L’algoritmo contiene oltre 200 fattori Seo da considerare, alcuni segreti ancora oggi, perchè sempre variabili, ecco perchè dei test, altri si conoscono ed altri si scoprono.

E tu ci devi stare sempre dietro, sul pezzo, per poter competere con tutti, un sito fermo è un sito inutile, meglio non averlo.

I fattori di ottimizzazione variano da campo a campo, da quelli interni a quelli esterni al sito e-commerce.

L’Ottimizzazione per google

Ad oggi, viene prestato particolare cura a molti degli elementi che si trovano in ogni pagina di un sito web, e di ogni documento caricato sul web.

Il concetto iniziale di PageRank di Google è stato con il tempo sostituito dal TrustRank, che è un indice più complesso, benché non esista ad oggi un modo per poterlo misurare in correlazione ad un sito web.

Fattore di ottimizzazione a livello di pagine interne

Il tuo e-commerce deve essere formalmente valido, avere le specifiche  WCAG per rendere i contenuti meglio “accessibili” ai crawler.

Poi , avere tutti i tag ben ottimizzati e con le keywords giuste, non buttate a caso, i tag sono: Tag title, meta description, alt tag, headings, ecc… 

Non usare solo Immagini, usa anche i pdf o del testo direttamente nell’HTML, infatti in una pagina HTML o PDF (evidenziabile e copiabile dall’utente), i due testi non saranno indicizzati nello stesso modo anche se agli occhi dell’utente sono uguali.

Il tag nelle Immagini

I motori di ricerca e gli screen readers leggeranno solo il tag ALT e il nome dell’immagine (“nome.jpg”) ma non il testo contenuto al suo interno.
Il testo dattiloscritto nella pagina HTML o nel PDF sarà invece letto integralmente dai motori e dagli screen readers.

Le Url

Modifica gli indirizzi delle tue pagine ( URL ) in modo che siano chiari e contengano la keywords studiata, crea una struttura del tuo sito web semplice, facile da leggere dai motori di ricerca agli utenti.

Il file robots.txt e sitemap.txt

Quindi dopo considera i file robots.txt e sitemap.xml e implementali correttamente, al fine di indicare ai crawler dei motori di ricerca quali contenuti indicizzare e quali escludere dal processo di indicizzazione;

NB: Una volta vidi un web design fornire una sitemap in pdf, gli chiesi, questa è la sitemap ? Hai finito ? Hai caricato la sitemap su google ? 
Risposta:
Si, questa è la sitemap. Andai per scrupolo di coscienza in search console di google e la sitemap , non era stata caricata. NON ERA A CONOSCENZA DI COSA SIGNIFICASSE CARICARE LA SITEMAP!!!!!!
Va bene, dai sbagliando, si impara. Però, queste sono le basi.

Il contenuto e il mobile first dell’E-commerce

I conenuti, devono essere fatti bene, di qualità, scrivendo un testo scorrevole nella lettura e grammaticalmente corretto, dosando al punto giusto le parole chiave principali, utilizzando anche dei sinonimi.

Anche il tempo di lettura trascorso su un contenuto da parte di un utente è un fattore di posizionamento, quindi i contenuti devono essere di qualità e di valore.

Il sito sia configurato per i dispositivi mobili al fine di consentirne una corretta indicizzazione (mobile first index).

Fattore di ottimizzazione a livello di pagine Esterne

Ci sono anche dei fattori esterni che aiutano il tuo e-commerce, a migliorare il tuo e-commerce nella scalata all’ottimizzazione dei motori di ricerca, non solo lavorare al sito internamente ma anche esternamente.

I Backlink per il tuo e-commerce

I backlink sono anche essi uno degli elementi rilevanti a livello SEO. Spesso hanno portato ad incidere notevolmente sul posizionamento, sono però da considerare arma a doppio taglio se non si lavora come si deve.

Spesso si usano backlink alla CAVOLO e questo porta solo alla penalizzazione del tuo sito web, anche perchè non tutti i link hanno la stessa rilevanza.

  • Numero di backlink “follow”: fattore molto determinante, preferibilmente provenienti da siti con indirizzi IP differenti e contestuali (contenuti semanticamente coerenti);
  • Anchor text dei backlink: viene utilizzato per determinare la pertinenza del link rispetto all’argomento trattato. Non è un caso, a tale riguardo, che il testo delle ancore spesso coincida con le ricerche che si intende ottimizzare, specie nelle campagne di link building più “spinte” (e, di conseguenza, più rischiose in termini di penalità).
  • Numero di backlink provenienti da fonti autorevoli, come testate giornalistiche, siti web famosi, ufficiali, governativi, ecc.
  • Qualità dei backlink. Quando un backlink proviene da un sito considerato poco autorevole può avere effetti negativi sull’indicizzazione.
  • Numero di link esterni della pagina di provenienza di un backlink: più la pagina ha collegamenti esterni e meno ognuno di essi è importante poiché la Link Juice si distribuisce sulla totalità dei link esterni.
  • In caso di più di un backlink proveniente dallo stesso dominio, il primo indicizzato da Google passerà Link Juice, mentre i successivi in maniera molto ridotta.

I Social Network

Anche avere social attivi, può portare notevoli vantaggi, qui devi lavorare bene, perchè le persone sui social , ci sono per distrarsi , non per le tue offerte, quindi devi trovare e lavorare diversamente.

Portarle al tuo shop, in maniera divertente e rilassante. Ma anche questo influenza il tuo posizionamento.

I Marketplace

Se sei nei marketplace, non fare l’errore che qui, lavori il marketplace al posto tuo, solo perchè tu paghi un abbonamento, anzi è proprio il contrario, con tutta la concorrenza che ormai è presente, devi anche qui lavorare di SEO, ottimizzare le tue inserzioni, creare il brand in linea con il tuo E-commerce e creare un collegamento con esso. Questo fa in modo che sia il tuo e-commerce che il marketplace salga di livello.

Non usare due concetti differenti, fai una linea unica per entrambi.

I Video , contest, ebook , altro…

Crea dei video dei tuoi prodotti , dei contest, degli ebook o qualsiasi altra cosa possa essere utile per creare un effetto di condivisione tra i tuoi utenti, cerca di dare in cambio qualcosa di gratuito per avere almeno una mail o un numero di telefono.

Crea la tua DEM.

Ti consiglio di non usare metodi BlackHat SEO , in quanto fortemente penalizzanti per un sito web, i metodi blackhat possono essere:

Contenuti nascosti all’utente ma indicizzabili dai motori di ricerca

Pagine doorway o gateway

Cloaking

– Keyword stuffing

– Content spam

– Abuso spam strong

– Article spinning

– Commenti spam

– Ecc..

Lavorando bene i risultati si ottengono, basta fare le azioni giuste e per il tempo giusto.

 

 

Contattami Per sviluppare il tuo E-commerce con Una Pianificazione Seo Adeguata al progetto o Per qualsiasi dubbio, i consigli non si pagano!

Trattamento Privacy

4 + 5 =