Google Amp wordpress – come funziona

Amp wordpress – come funziona

In questo articolo imparerai a installare e configurare correttamente Google AMP wordpress sul tuo sito in pochi passaggi. Otterrai risultati eccezionali in termini di velocità di caricamento delle pagine e migliorerai le performance del tuo sito.

Cosa è Google Amp wordpress ?

AMP è l’acronimo di “Accelerated Mobile Pages” (Acceleratore di pagine mobile) ed è un progetto open-source lanciato di Google a fine 2015, con lo scopo di fornire contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili.

Se volete approfondire il progetto a livello di programmazione, trovate la repository su Github a questo link.

L’obbiettivo di Google infatti è quello di creare una versione “meno pesante” delle pagine presenti del Web: devono infatti essere ottimizzate per essere più leggere e caricare solamente gli elementi principali della pagina.

Questo si traduce in minor peso dei contenuti e di conseguenza, tempi di caricamento notevolmente minori (quasi fulminei).

Un altro scopo delle pagine Google AMP wordpress è quello di fornire un contenuto completamente compatibile su ogni supporto e browser utilizzato.

Come funziona Google AMP WordPress

Dal punto di vista tecnico AMP rende più veloce il caricamento della pagina in tre modi:

  • Riducendo la quantità di codice Javascript delle pagine .
  • Salvando sul server di Google la copia cache delle pagine in modo da non dover rimandare al server dove è ospitato il sito
  • Caricando solo le risorse necessarie (es. immagini, iframe e annunci pubblicitari) AMP crea una “versione alternativa” del sito che segue le specifiche tecniche definite da AMP project.
  • In altre parole crea un HTML basico e ottimizzato per l’esperienza mobile. Le pagine create con AMP hanno un loro indirizzo, ad esempio: nomedominio.it/nomepagina/amp

L’introduzione dell’AMP ha portato un notevole cambiamento al funzionamento di Google. I contenuti dei siti AMP vengono immagazzinati da Google sui propri server.

Quando un utente accede ad una pagina non viene indirizzato alla versione originale del sito ma a una versione cache interna a Google.

L’utente di fatto non lascia mai il motore di ricerca, infatti gli url della versione AMP di un sito presentano questo schema: google.it/amp/nomedominio.it/nomepagina/amp

Google smette di essere un indice di risultati di ricerca che rimanda ad altri siti per diventare un grande archivio di contenuti a cui gli utenti accedono senza mai uscirne.

Come implementare l’AMP sul sito

google amp wordpress mobile

Puoi attivare google amp wordpress tramite plugin, il plugin in questione è AMP di automatic.

Una volta installato tutti gli URL dei tuoi post avranno una versione /amp/.

Puoi aprirne uno e aggiungere “/amp/” alla fine per visualizzarli.

C’è anche un editor che ti permette di personalizzare alcune opzioni della versione AMP dei tuoi post. Lo trovi su WordPress > Aspetto > AMP.

Nell’applicare google amp wordpress ci sono sia svantaggi che vantaggi , vediamo quali sono:

Svantaggi Amp wordpress

Riduzione dei guadagni

Statistiche Meno dettagliate

Mancanza moduli contatto

Non risolve problemi seo

Non ha effetti css

Non ha effetti sull’autorità del dominio

Vantaggi Amp wordpress

Pagine più veloci

Aumento rank mobile

Migliora server mobile

Disponibilità per i pubblisher

Standard open-source

Mentre avere un design responsive è praticamente un must per la SEO, la scelta di attivare Google AMP wordpress dipende dal tipo di sito e dai tuoi obiettivi.

Sicuramente l’AMP wordpress presenta dei vantaggi importanti, come la velocità di caricamento, l’interfaccia adatta ai dispositivi mobile e una minore frequenza di rimbalzo. 

Prima di attivare Google AMP su WordPress devi anche considerare che tipo di sito e contenuti hai. Se i tuoi post tendono ad essere lunghi e consistono in notizie e articoli, allora AMP fa per te.

Se, però, il tuo sito si basa su eCommerce, vendita di prodotti e generazione di lead, forse è il caso di rifletterci su.

La mancanza di moduli di contatto, il design più scarno e la complessa integrazione con gli strumenti pubblicitari possono crearti più problemi che benefici.